Il Parco nazionale delle Everglades è la più grande riserva selvaggia subtropicale del continente nordamericano. La sua congiunzione all’interfaccia tra l’America temperata e subtropicale, l’acqua dolce e salmastra, le baie poco profonde e le acque costiere più profonde, crea un complesso di habitat a supporto di un’alta diversità di flora e fauna. Contiene il più grande ecosistema di mangrovie nell’emisfero occidentale, la più grande distesa di praterie di sawgrass e il terreno di riproduzione più significativo per gli uccelli trampolieri nel Nord America.

Sub-tropical wilderness reserve, Everglades, USA, Pollution threatening UNESCO World heritage sites - WOIMA Corporation

Questo sito all’estremità meridionale della Florida è stato chiamato “un fiume d’erba che scorre impercettibilmente dall’entroterra al mare”. L’eccezionale varietà dei suoi habitat acquatici lo ha reso un santuario per un gran numero di uccelli e rettili, nonché per le specie minacciate come il lamantino.

Le mangrovie della Florida sono state forzate a una frettolosa ritirata a causa dell’innalzamento del livello del mare e ora affrontano l’annegamento, mettendo in pericolo le comunità costiere e le preziose zone umide delle Everglades. Le mangrovie nel sud-est della Florida, situate in un’area studiata dai ricercatori, hanno partecipato ad una “marcia della morte” nell’entroterra mentre si allontanavano dall’oceano gonfio ma ora hanno colpito un argino artificiale e probabilmente saranno sommerse dall’acqua entro 30 anni. Le mangrovie sono costituite da vegetazione costiera che cresce in acque salate o salmastre. Sono considerati dei cuscinetti cruciali per tempeste e intrusioni di acqua salata, nonché habitat chiave per alcune creature marine. Usando fotografie aeree, immagini satellitari e nuclei di sedimenti, i ricercatori hanno scoperto che le mangrovie appena a sud di Miami stavano migrando verso ovest sopra le paludi ad una velocità di circa 30m all’anno fino a quando non furono fermate dall’argine L-31E, una barriera contro le inondazioni nella contea di Miami-Dade, dove ora stanno prendendo la loro ultima posizione.

Birds at Everglades, USA, Pollution threatening UNESCO World heritage sites - WOIMA Corporation

Precedenti ricerche hanno suggerito che lo stesso fenomeno si è verificato in altre parti del sud della Florida, rendendo la regione più vulnerabile alle tempeste, come l’uragano Irma, che ha spazzato via la Florida lo scorso anno, e la diminuzione di terreno con l’aumentare del livello del mare. Di particolare preoccupazione è il futuro delle Everglades, la vasta regione selvaggia di paludi, mangrovie e pinete che ospita le specie minacciate come il lamantino, il coccodrillo americano e la pantera della Florida. Le Everglades, conosciute come il “fiume d’erba”, sono state nitrite a lungo da acqua dolce che scorre lentamente da paludi, laghi e fiumi a nord. Tuttavia, l’ecosistema si è ridotto di circa la metà da quando nel secolo scorso è stata costruita una rete di canali e dighe per deviare l’acqua per l’agricoltura e costruire case. Le Everglades sono state prosciugate per ospitare una popolazione umana in forte espansione – oltre 6 milioni di persone vivono attualmente nel sud della Florida.

Il Congresso ha appoggiato un piano di ripristino per reindirizzare l’acqua alle Everglades, ma l’area ora affronta il problema esistenziale dell’innalzamento del livello del mare, che è collegato ai cambiamenti climatici. Gli oceani stanno salendo rapidamente sulla costa piatta della Florida meridionale, circa tre volte più veloce della media globale. L’acqua salata sta entrando nelle Everglades dalla costa e dalle falde acquifere sotterranee. Siamo a un punto di non ritorno. A metà del secolo l’innalzamento del livello del mare raggiungerà i 20 mm all’anno e non c’è modo che i nostri habitat costieri possano riuscire a contenere qualcosa di più di 10 mm l’anno.

L’impianto di termovalorizzazione modulare di rifiuti WOIMA® utilizza rifiuti solidi urbani come combustibile, riducendo così la necessità di scaricarli altrove. È una soluzione a emissioni zero che simultaneamente: garantisce che i rifiuti vengano riciclati in energia in modo efficiente, supporta le pratiche locali di gestione dei rifiuti e promuove l’azione per il clima impedendo ai rifiuti solidi di generare metano, un gas serra 25 volte peggiore della CO2.

CONTATTA WOIMA PER SAPERNE DI PIÙ SU COME POSSIAMO CAMBIARE IL MONDO INSIEME

WOIMA Corporation small logo web

info@woimacorporation.com
www.woimacorporation.com

WOIMA Corporation è un fornitore finlandese di prodotti, progetti e servizi “redatti a trasformare i rifiuti in valore” in tutto il mondo. Abbiamo sviluppato soluzioni che consentono a noi, e al cliente, di trasformare e riciclare praticamente qualsiasi flusso di rifiuti in materie prime ed energia.  In WOIMA combiniamo il know-how ingegneristico finlandese nella gestione dei rifiuti con l’esperienza di progettazione nella generazione di energia. Queste soluzioni vengono utilizzate in Finlandia ogni giorno. Sostengono l’ideologia dell’economia circolare e assicurano che meno dell’1% dei rifiuti finlandesi finisca in discarica.

La nostra missione è migliorare la qualità della vita sia a livello locale che globale, oltre a consentire alle persone di utilizzare i rifiuti come merce. I nostri decenni di esperienza nella gestione dei progetti internazionali garantiscono una consegna di soluzioni WOIMA puntuale e di alta qualità in tutto il mondo.

Seguici su

  WOIMA canale YouTube

LinkedIn logo Woima Corporation  WOIMA pagina LinkedIn

Twitter logo Woima Corporation   WOIMA pagina Twitter

Facebook logo Woima Corporation   WOIMA pagina Facebook